Home » Punti di interesse » Palestra arrampicata Bagnoli della Val Rosandra

Palestra arrampicata Bagnoli della Val Rosandra

La Val Rosandra, o più semplicemente la Valle, è la palestra di roccia storica di Trieste; i fianchi del canyon sono stati presi d’assalto dai più arditi arrampicatori triestini fin dagli inizi del ventesimo secolo ed hanno rappresentato l’avanguardia dell’alpinismo moderno a livello mondiale.
Le pareti della Valle ospitano itinerari che soddisfano tutto il pubblico di appassionati, dal principiante che muove i primi passi sulla roccia al climber esperto che trova nella difficoltà la massima espressione del gesto sportivo.
La parete più nota è senza dubbio quella che sovrasta il paese di Bagnoli denominata “Falesia dei Canarini”; qui la roccia, lavorata nei millenni dal torrente Rosandra, presenta inclinazioni che sfiorano i 45° richiedendo, così, un impegno fisico notevole.
Alcuni splendidi settori si sviluppano sulle pareti che si ergono lungo il percorso della vecchia strada ferrata sulle pendici settentrionali della Valle; qui le difficoltà degli itinerari sono spesso contenute ed unitamente ad una splendida vista su tutto il corso d’acqua rendono l’arrampicata piacevole e rilassante.
 Per approcciarsi all’arrampicata da non perdere il “Sentiero dell’Amicizia” (percorso pedonale che parte da Bagnoli e, addentrandosi nel canyon, raggiunge il paese di Beka, in Slovenia) per muoversi tra gli spuntoni di roccia e le pareti scoprendo i vecchi chiodi arrugginiti o cunei di legno utilizzati in passato dai grandi alpinisti come Emilio Comici ed Enzo Cozzolino.

Come arrivare

Bus 40: Stazione Centrale - Dolina; 
Bus 41: Stazione Centrale - Bagnoli (Stop: Piazza di Bagnoli e poi si prosegue e piedi)

Note

Nota tecnica: gli itinerari sono attrezzati secondo stili differenti. Le vie sportive (attrezzate secondo i canoni internazionali e quindi decisamente sicure) sono riconoscibili dalle tipiche piastrine scintillanti che corrono lungo le parete fino a giungere ad una catena di calata; le vie alpinistiche seguono, invece, le direzioni più logiche della parete (fessure, diedri, spigoli) ma risultano, seppur decisamente più facili delle vie sportive, quasi completamente sprotette e necessitano di esperienza e di un’attrezzatura completa.

Mappa

   

Galleria immagini