Home » Punti di interesse » Grotta Antonio Federico Lindner

Grotta Antonio Federico Lindner

Tre sono gli ingressi naturali di questa interessante ed estesa cavità profonda 329 metri per quasi un km di sviluppo. Gli ingressi sono protetti, i due pozzetti da griglie, la caverna iniziale, che si apre sul fondo di una dolina, da una porta progettata per permettere il passaggio ad animali, troglobi e pipistrelli. La cavità è in pratica un’ampia galleria inclinata una trentina di gradi, riccamente concrezionata, con interessanti morfologie lungo le pareti ed il soffitto e splendidi gours sul pavimento. Un ramo laterale porta ad una sala occasionalmente riempita dalle acque di fondo carsiche, un altro prosegue chiudendosi man mano raggiungendo la quota di soli 9,5 m s.l.m. La cavità è caratterizzata dall'innalzamento del livello delle acque di fondo durante le piene del fiume Timavo sotterraneo: nei periodi di maggiore piovosità si formano estesi laghi temporanei in corrispondenza di entrambi i fondi della grotta.
Nelle vicinanze uno dei più interessanti ed estesi campi solcati del Carso.

Come arrivare




Per maggiori informazioni sulla cavità e per un'ubicazione più precisa si rimanda alla scheda del Catasto Regionale delle Grotte del Friuli Venezia Giulia.


Bus 44: Piazza Oberdan - San Giovanni del Timavo 
cambio a Strada provinciale di S.Pelagio (Aurisina sanatorio)
Bus 43:  Aurisina - Ceroglie (Stop: Strada per Slivia 30/a fr. (paese)

Note

Per informazioni più dettagliate sulla geologia e sui rinvenimenti archeologici effettuati all'interno della cavità si rimanda alla seguente pagina del Catasto Ragionato Informatico delle Grotte Archeologiche C.R.I.G.A.

Mappa

   

Galleria immagini